Home..........................................TORNA AL 2018


 

 

 

 

SETTEMBRE 2018


IL MARTELLO DI FILIPPO VOLA A 57.09
E' il nuovo record provinciale Cadetti, cancellato il 57.04 di Alessandro Martinengo
Filippo Iacocca non si accontenta dei suoi già prestigiosi risultati ottenuti nella prima parte della stagione, e domenica 1° settembre a Novara torna in pedana dopo la pausa estiva con un' impresa di notevole spessore anche a livello nazionale per un giovane di 14 anni alla sua prima stagione nella categoria Cadetti.
Nel corso del Grand Prix Giovanile di lanci il figlio d'arte (il papà Antonio è stato decathleta di livello nazionale e campione italiano) allunga di quasi 5 metri il personal best di 52.52 di giugno con un ultimo lancio da manuale di 57.09, dopo aver già fatto meglio alla quarta prova con 53.20.
Questa la sua serie di lanci: 50.38, Nullo, 53.20, 52.30, Nullo, 57.09
Una misura quest'ultima che ritocca di 5 cm il precedente record provinciale Cadetti risalente al 2012 firmato da Alessandro Martinengo, all'epoca medaglia di bronzo ai Campionati Italiani di categoria; impresa che quest'anno pare alla portata anche di Filippo, che consolida per ora la quarta posizione in campo nazionale in questa specialità e la prima, con un ampio vantaggio di 12 metri sul secondo in classifica, per quanto riguarda i cadetti al primo anno di categoria.
Un'ora più tardi Filippo è sceso nuovamente in pedana nel disco, migliorando di un paio di metri il suo personale con un primo lancio di 32.44

Si replica sul campo di Novara il giorno dopo: stessa manifestazione (il Grand Prix di lanci), riservata questa volta alle categorie assolute.
E' ancora
Nella Lomater a mettersi in evidenza con due personali nel peso (7.83) e nel martello (24.92); bene anche il disco Junior con Francesco Pelissero davanti a Andrea Allegretti, 31.90 per Davide con l'attrezzo da 1.75 kg alla sua prima gara in questa specialità.
Risultati: NOVARA 2 settembre:
Peso / martello kg 4: Nella Lomater 7.83 e 24.92
Peso / Martello Master: Paolo Rissone 9.55 / 37.68
Disco Junior (1.75): Francesco Pelissero 35.38, Andrea Allegretti 31.90
Giavellotto (800gr): Andrea Allegretti 34.80


Sabato 1° settembre ad Alba
Vincenzo Ippolito ha corso gli 800m in 2.17.75



JACOPO MUSSO TRIONFA A SAN DAMIANO
A Jacopo il titolo Regionale Assoluto di Trail Corto; titolo Promesse a Nicholas Bouchard
La Vittorio Alfieri domina il Trail Corto di San Damiano, che assegnava oggi 2 settembre il titolo di Campione Regionale Individuale. I biancoverdi piazzano sei atleti nei primi 11, con Jacopo Musso vero dominatore della corsa di 19.5 km. Jacopo
(nella foto) taglia il traguardo al primo posto in assoluta solitudine; sul podio anche Nicholas Bouchard, terzo assoluto ma primo della categoria Promesse, che indossa la maglietta di Campione Piemontese (nella foto sul podio).
Grande successo di squadra, quindi, con Fausto Liguori al sesto posto e un trio di atleti classificati nell'ordine (Paolo Musso, Davide Elli e Fabio Francia) dal 9° all'11° posto. Questi risultati rafforzano la classifica di Società del Trofeo Eco Piemonte in cui la nostra società occupa posizioni di prestigio dopo 10 delle 12 gare in programma.
Ancora meglio poi sono le classifiche individuali del Trofeo che vedono i nostri Jacopo Musso ed Erica Ghelfi saldamente al comando quando mancano due gare al termine.
Oggi in campo femminile c'è il secondo posto Assoluto di Federica Collino.

Oltre al Trail, valido come Campionato Regionale e Trofeo Eco Piemonte, era in programma anche la corsa in linea di 10.6 km valida come prova di Campionato Provinciale, bella vittoria in campo femminile per Claudia Solaro, mentre Roberto Penna è il migliore dei nostri.
Ordine d'arrivo TRAIL
1) M
usso Jacopo 1.14.1 Campione Piemontese Assoluto, 3) Nichoplas Bouchard 1.16.45 Campione Piemontese Promesse, 6) Fausto Liguori 1.19.26 (2° Assoluto), 9) Paolo Musso 1.21.51 (2° Master B), 10) Davide Elli 1.21.52, 11) Fabio Francia 1.22.24, 47) Federica Collino 1.37.41 (6^ assoluta), 66) Adriano Bosticco 1.45.49, 70) Danilo Curletti 1.47.39, 73) Roberta Viarengo 1.48.26

 

 

JOSEPH TWUMASI 10.87 nei 100m !
Strepitosa impresa per il nostro miglior velocista in attività, che nel corso di un meeting a Savona ha infranto il muro degli 11.00 sui 100 piani. Impegnato nella serie più forte, con atleti quotati di tempi di livello nazionale, Joseph ha chiuso la sua serie al quinto posto con il tempo di 10.87 che migliora l' 11.02 da lui ottenuto ai Campionati Italiani prima della pausa estiva. Vento nei limiti (+1.7), quindi prestazione del tutto regolare che, oltre a costituire il nuovo record provinciale Allievi (che già gli apparteneva con 11.02), è anche il quarto tempo del 2018 in Italia per la categoria Allievi.
Sempre a Savona, oggi 2 settembre, Antonella Giulivi ha corso i 100 piani in 13.32 (vento +1.8), mentre Chiara Rabezzana era impegnata nel biathlon Ragazze, per lei il quarto posto con 9.15 sui 60 piani e 21.01 nel vortex.






ANCHE I GIOVANISSIMI VANNO FORTE IN MONTAGNA
Ancora buone notizie dalla corsa in montagna che in questa stagione ha dato alla nostra società grandi soddisfazioni. Tra l'altro, la Vittorio Alfieri è una delle poche, se non l'unica, società della "pianura" a competere in questo campo allo stesso livello dei gruppi montani del cuneese e dell'Ossola, specialisti in questo settore.
Mentre Erica Ghelfi completa il suo ritiro al Sestrière con la nazionale italiana in vista dei prossimi Campionati del Mondo di domenica 16 in Andorra, sabato 8 a Ceppo Morelli, località ai piedi del Monte Rosa, è stato il turno dei più giovani impegnati nella terza ed ultima prova del Campionato Piemontese Giovanile di Corsa in Montagna.
Nella classifica complessiva valida per il titolo regionale, la Vittorio Alfieri sale due volte sul podio con il Cadetto Girma Lombardo (già campione italiano quest'anno di corsa in montagna a staffetta con Teshale Zanchetta) e con la Ragazza Beatrice Carriero
(i due nella foto): entrambi si sono piazzati al terzo posto nelle rispettive categorie al termine delle tre prove di campionato.
Per quanto riguarda la gara odierna, strepitosa prova di Sara Carriero che vince tra le Esordienti "A" con una volata finale in rimonta
(nella foto al traguardo) dopo aver già trionfato a maggio a Pomaretto nella prima prova. Peccato che la Fidal non preveda l'assegnazione del titolo regionale anche per la sua categoria, lo scudetto sarebbe stato certamente suo.

Oggi Girma Lombardo ha colto un terzo posto alle spalle dell'imbattibile coppia della Valle Varaita (Elia Mattio e Simone Giolitti), staccando nel finale il gruppo degli inseguitori con cui era transitato a metà gara.
Stesso posto sul podio per Beatrice Carriero. Nonostante una caduta nel tratto iniziale in salita, l'atleta è stata capace di lasciarsi alle spalle nel finale Arina Radu del Pomaretto, sua avversaria diretta per il bronzo regionale.
Gli altri piazzamenti odierni della nostra ridotta, ma altamente qualificata rappresentanza, sono il sesto posto di Giulio Ollino negli Esordienti A, il 12.mo di Anna Massano nelle Esordienti A e, tra i Ragazzi, il 15.mo di Mattia Barrui.






FILIPPO IACOCCA ALLUNGA: MARTELLO A 58.23

Ancora un passo in avanti per Filippo Iacocca che a Cuneo sale al terzo posto nelle liste nazionali Cadetti, migliorando di oltre un metro il suo fresco personale di 57.09 di una settimana fa. Ora un posto sul podio ai prossimi Campionati Italiani pare davvero alla portata di questo ragazzo al primo anno di categoria che in questa stagione ha fatto passi da gigante, migliorandosi di quasi dieci metri dal 49.75 ottenuto in un test in allenamento nel 2017 quando ancora non poteva lanciare il martello a livello ufficiale.
Eccellente la serie di oggi: 55.40, 58.23, 57.09, 56.80

La misura di 58.23 dista ormai solo mezzo metro dal 58.73 che costituisce il record Piemontese Cadetti di lancio del martello e c'è ancora tutto il 2019 per fare meglio.
Più tardi Filippo si migliora di un paio di metri anche nel disco, vincendo la gara.

Sempre a Cuneo Davide Rolfi, figlio d'arte (il papà Piero è ben conosciuto nel circo della Vittorio Alfieri per la sua intensa attività agonistica nelle prove multiple da oltre un decennio), 11 anni e al primo anno nella categoria Ragazzi (nella foto) ha corso i 60m in 8.61, un tempo che ha rallegrato la mamma, ma non troppo il papà, che vanta un personale di 8.64 sulla distanza e perde così il suo primo record familiare. Si tratta comunque della quarta prestazione piemontese dell'anno per la sua categoria.
Doppio personale per Alessandro Iacocca, prima sui 100 piani e poi sul giro di pista dove scende per la prima volta sotto il muro dei 55.00.

Risultati di Cuneo, domenica 9 settembre
Martello Cadetti: Filippo Iacocca 58.23 Record Provinciale Cadetti
60m / Vortex Ragazzi: Davide Rolfi 8.61 / 27.62
Disco: Filippo Iacocca 34.61
100 m: Alessandro Iacocca 12.44 (-0.4), Andrea Allegretti 13.17 (-0.4), Piero Rolfi 13.96 (-0.4)
400 m: Alessandro Iacocca 54.47, Francesco Galluzzi 55.73
Giavellotto: Andrea Allegretti 33.68, Piero Rolfi 28.11



Altre notizie dalla strada e dalla montagna, con i nostri impegnati un po' in tutto il Piemonte
(e anche fuori)



Qui sotto i nostri cinque podisti che venerdì 7 settembre hanno preso parte alla Mezza di Arenzano (Genova), con la foto di rito insieme ai primi due classificati (Keniani, ovviamente).





Domenica 9 a Nichelino troviamo Roberto Penna nella terza tappa della Maratona Reale (Palazzina di Caccia di Stupinigi), 48. mo assoluto in 50.21 su km 12,195.


Nella Mezza di Bologna ha portato a termine la sua gara Paolo Rossotto col tempo di 1.39.33.6



Corripiemonte a Caselle, domenica 9: ecco in foto il gruppo Alfieri con Domenico Guglielminetti e Monia Marchetti, prima di categoria.




Domenica 9 settembre,
Forno Alpi Graie (Torino)
"DAVISO IN VERTICALE"
Jacopo Musso terzo assoluto, Paolo quinto Assoluto, Enrico Cocca .......
Distanza km 6, dislivello 1100 metri

In attesa classifica ....






ROBERO LA BARBERA CAMPIONE DEL MONDO MASTER !
Roberto La Barbera corona una stagione indimenticabile con quella che è sicuramente la più grande impresa della sua carriera mettendosi al collo la medaglia d'oro di Campione Mondiale Master nel salto in lungo M50.
A distanza di un mese dalla partecipazione ai Campionati Europei per atleti paraolimpici, in cui si era classificato al settimo posto, Roberto si è imposto domenica 9 settembre a Malaga (Spagna) nella finale, con un terzo salto di 6.54 (vento nullo), che è la sua miglior prestazione dell'anno e che gli regala la medaglia d'oro davanti al brasiliano Pessanha (6.33) e al francese Dufag (6.23) in una gara molto affollata, in cui il nostro atleta ha messo in fila 36 atleti provenienti da tutto il mondo.
E' oro, nella competizione per normodotati, tutti alle sue spalle.





UNA MEDAGLIA ANCHE PER FRANCESCA JURI
Da Malaga, dove sono in corso i Campionati Mondiali Master, arriva un'altra medaglia pregiata dopo l'oro di Roberto La Barbera: ce la regala Francesca Juri, non nuova ad imprese del genere nelle grandi manfestazioni internazionali. Sabato 10 settembre, nel salto in alto F55 è salita sul terzo gradino del podio con l'eccellente misura di 1.40: primato stagionale eguagliato per Francesca, che a giugno ad Arezzo aveva vinto con questa misura i Campionati Italiani.
A Malaga Francesca ha superato l'asticella al terzo tentativo, dopo il successo alla prima prova sulla misura di 1.36, che le avrebbe comunque dato la medaglia di bronzo.

Due giorni più tardi (lunedì 12 settembre) e in non buone condizioni fisiche per un attacco febbrile, Francesca è scesa in pedana anche nel salto triplo, cogliendo il quinto posto in questa gara con la misura di 9.20, ad una spalla dalla medaglia di bronzo.






ERICA GHELFI 19.MA AI MONDIALI DI CORSA IN MONTAGNA
E' terminata nel migliore dei modi l'attesissima avventura mondiale di Erica Ghelfi che nella mattinata di domenica 16, in Andorra, ha rappresentato l' Italia nell
a massima rassegna internazionale di corsa in montagna.
Un'avventura cominciata all'inizio della stagione con il ritorno alla Vittorio Alfieri di Erica, di cui erano note da tempo le qualità, al punto che in società è iniziato subito (a sua insaputa) un piano di programmazione per portare l'atleta in maglia azzurra.
Un obiettivo che all'inizio poteva sembrare irrealistico, ma che si è concretizzato mese dopo mese grazie ai risultati di assoluto livello che l'atleta, con la sorella Francesca, otteneva in ambito regionale, dove le due Ghelfi non avevano praticamente avversarie in grado di impensierirle.
La disputa delle due prove dei Campionati Nazionali di Corsa in Montagna in Piemonte ha certamente contribuito in modo determinante a mettere in evidenza le due sorelle anche in campo nazionale. Ricordiamo che Francesca, la più giovane, ha conquistato un prestigioso secondo posto ai Campionati Nazionali nella categoria Promesse.
Per Erica la strada si è fatta via via più semplice grazie sia ai buoni piazzamenti da lei ottenuti nelle "selezioni" di Tavagnasco, sia alla vittoria nel Km verticale di San Costanzo a suon di record della manifestazione, migliorato di un minuto e mezzo e soprattutto grazie al secondo posto ottenuto a Susa nel memorial Partigiani Stellina di agosto, che era la prova decisiva per Paolo Germanetto, selezionatore della squadra azzurra, per scegliere le atlete da portare ai mondiali.
E' seguito un lungo e intenso raduno al Sestrière con allenamenti bi giornalieri, una novità per Erica abituata ad altri ritmi di lavoro "in patria", ma l'atleta ha superato indenne anche questa che era per lei forse la prova più difficile.
Poi la squadra è partita per la località di gara
(nella foto Erica tra i gemelli Dematteis mentre ispeziona il percorso di gara della prova mondiale).
Domenica, infine, la gara.
L'importante in questi casi è esserci, ma la prova di Erica è stata comunque molto positiva, anche se il tracciato di gara non era abbstanza lungo e impegnativo come piace a lei.
19° posto assoluto e seconda tra le italiane nella prova mondiale vinta dalla keniana Mirigi in 1 ora 04.55 davanti a una svizzera e ad un'altra keniana.
Al 12.mo posto la prima Italiana, Elisa Sortini, 1 ora 11.17, poi Erica che in 1 ora 12.54 chiude la sua fatica in 19.ma posizione su 77 atlete provenienti da ogni parte del mondo.
In considerazione della giovane età dell'astigiana, solo 23 anni rispetto agli oltre 30 delle altre specialiste italiane, si prospetta per Erica Ghelfi un radioso futuro in questa dura specialità che potrebbe vederla protagonista in ambito nazionale per almeno un decennio.
Nell'altra foto la squadra italiana (Erica la prima a destra) che si è classificata al quarto posto nella classifica per nazioni.

La corsa nel cuore
Correre con passione e voglia di entusiasmarsi SEMPRE con percorsi SEMPRE nuovi.
Uscire di casa, chiudere la porta e cercare SEMPRE nuovi percorsi di allenamento usando fantasia e voglia di correre.
Tutto questo avviene quasi sempre in compagnia di Francesca, la sorella più giovane: insieme si divertono su e giù per le colline di Valmanera o sulle montagne della Val Varaita.
Con questo spirito spensierato Erica affronta allenamenti e gare, ma in questi ultimi tempi è stata sottoposta a nuovi programmi e a nuovi percorsi.
Non si aspettava tutto questo interesse nei suoi confronti, perché è arrivata ad essere una delle migliori atlete italiane nella corsa in montagna. In poco tempo è passata dalle gare regionali sempre vittoriosa ad essere protagonista assoluta in campo nazionale.
Da Erica i tecnici si aspettano molto, tanto ... ed a questo punto temo che tutta questa pressione nei suoi confronti la intimorisca.
GRAZIE ERICA
per le emozioni che ci hai regalato quest'anno e spero che correrai ancora con questo spirito libero e avventuroso per regalarci altre grandi soddisfazioni.

Da un vecchio podista che ha iniziato a correre nel settembre 1973 ... e che ancora oggi si diverte a correre ed è felice quando vede dei giovani che corrono divertendosi.

Paolo Musso

 



DUE ORI E UN RECORD PER JOSPEH TWUMASI
Ai Campionati Regionali Allievi vince 100 e 200m col nuovo record provinciale
Un finale di stagione scoppiettante per Jospeh Twumasi che, non pago degli strepitosi risultati ottenuti negli ultimi mesi, si mette in tasca anche i titoli di Campione Piemontese Allievi con due schiaccianti vittorie nelle prove di velocità al campo Ruffini di Torino, che in questo fine settimana ha ospitato i Regionali di categoria validi anche come seconda fase del CDS Allievi.
Sulla doppia distanza arriva anche lo strepitoso tempo di 21.95, questa volta in condizioni regolari (aveva già corso in 21.84 ai Campionati Italiani, con un filo di vento oltre i limite). E' la sua prima volta sotto i 22"00 ed è anche il quarto tempo in Italia sulla distanza quest'anno, oltrechè il nuovo record provinciale di categoria che abbassa il 22.12 già suo.
Nella foto Joseph sul podio dei 200m
Quest'ultima prova dei CDS porta altri buoni risultati per i nostri colori (non molto rappresentati in questo appuntamento), ma solo a livello individuale, perchè quest'anno la squadra è incompleta e dopo i successi delle passate stagioni, che ci avevano permesso di accedere alla finale nazionale con la squadra maschile, dobbiamo accontentarci.
Oltre alle medaglie di Twumasi, Giuliano Trivellin, che sabato si era migliorato nei 110hs, sale sul secondo gradino del podio nei 400hs.
Podio solo sfiorato per Gregorio Margaglia nel salto in alto, dove è quarto con 1.79 in una gara ad alto livello.
Risultati di sabato 15 settembre:
100m: 1) Joseph Twumasi 11.18 (-0.8) Campione Piemontese, 13) Massimiliano Serra 12.76 (-0.8)
400m: 6) Alessandro Iacocca 55.14
110hs: 6) Giuliano Trivellin 16.95
Risultati di domenica 16settembre:
200m: 1) Joseph Twumasi 21.95 (XX) Campione Piemontese, Record provinciale Allievi; Alessandro Iacocca 25.15
alto: 4) Gregorio Margaglia 1.79
4x400: Vittorio Alfieri 3.38.72 (Margaglia 54.5m Trivellin 56.5, Iacocca 56.2, Twumasi 51.3)




Questa la squadra giovanile che ha preso parte domenica mattina a Torino ai
CAMPIONATI PIEMONTESI
DI TETRATHLON
Ragazzi e Ragazze, validi anche come prova unica del relativo Campionato di Società.
La squadra maschile era rappresentata solo da Stefano Monticone, mentre quella femminile ha ottenuto un buon piazzamento in ambito regionale a livello di Società: con il contributo delle nostre Cadette, impegnate sabato e domenica nel Pentathlon, la Vittorio Alfieri acquista punteggi preziosi, almeno con le ragazze, nel Trofeo Piemonte.
Tutti i biancoverdi hanno reso al meglio delle loro possibilità con un miglioramento globale di molti personali nelle quattro gare.
Tra le ragazze il miglior piazzamento regionale, in una competizione come sempre affollatissima (oltre 60 atlete classificate) va a Chiara Rabezzana che migliora il personale di tetrathlon di 2204 punti ottenuto a maggio, oltre i 2000 punti anche Sara Carriero all'esordio, mentre Marta Fassio, al primo anno di categoria, completa la terna di punteggi validi per il CDS.
Federica Parigi ottiene il miglior piazzamento biancoverde tra le cadette nel pentathlon, un settimo posto con 2788 punti.
Buon inizio il suo col personale negli ostacoli, bene alto e lungo che sono il punto di forza dell'atleta, poi una controprestazione nel giavellotto ha compromesso una posizione in classifica che poteva vederla tra le prime cinque.

Risultati:
Tetrathlon Ragazze, domenica 16 (60hs, lungo, peso, 600m)
11) Chiara Rabezzana 2319 punti (11.31, 3.92, 8.77, 2.04.57)
14) Beatrice Carriero 2187 punti (12.27, 3.74, 7.27, 1.55.16)
24) Marta Fassio 1889 punti (11.96, 3.20, 6.89, 2.04.69)
31) Rebecca Cerrato 1700 punti (12.00, 3.77, 6.95, 2.25.19)
50) Elisa Pavese 1326 punti (14.55, 3.22, 6.60, 2.17.55)
52) Greta Vicini 1091 punti (15.31, 2.58, 5.55, 2.11.75)
Tetrathlon Ragazze (60hs, lungo, peso, 600m)
31) Stefano Monticone 1159 punti (13.00, 3.34, 5.96, 1.59.31)
Pentathlon Cadette (80hs, alto, giavellotto, lungo 600m)
7) Federica Parigi 2788 punti (13.58/-0.7, 1.50, 8.82, 4.93/-0.3, 1.58.44)
14) Francesca Bassignana 2305 punti (15.44/-0.7, 1.29, 17.68, 4.20/0.0, 2.04.49)
32) Alice Merello 959 punti (17.54/-0.7, 1.11, 4.95, 3.20/-0.7, 2.24.61)




Domenica 16 a Monza impresa di
Elisa Raspino che ha corso i 30 km in 2 ore 56.26
"I risultati sono gli obiettivi che ognuno si pone e raggiunge... che sia fare un tempo, un'impresa mai fatta prima, arrivare ad alti livelli o anche solo competere o divertirsi .... così vinci in ogni caso almeno la soddisfazione di essere tenace".





Jacopo Musso vince in solitaria a Pietra Marazzi (Alessandria) domenica 16 nella classica "Passaggio a Nord Ovest", km 12.5 dove ha rergolato Ales Zulian della Brancaleone, staccato di un minuto.
Ottavo posto per Paolo Musso, mentre Monia Marchetti è terza tra le donne.

1) Jacopo Musso 48.27
8) Paolo Musso 54.03
3) Monia Marchetti 61.32
I tre nella foto