Home..........................................TORNA AL 2018


 

 

 

 

LUGLIO 2018

JACOPO MUSSO ED EMANUELE LADETTO SUL PODIO A TRINO
Domenica 1° luglio a Trino (Vercelli) bel successo di squadra per i podisti della Vittorio Alfieri che piazza tre atleti nei primi cinque.
La 34.ma "Bric e fos", gara di Trail sulla distanza di 8.5 km, vede il successo del bolzanese Yalli in 29.51, alle sue spalle i nostri due con Jacopo Musso secondo in 31.17 ed Emanuele Ladetto terzo a mezzo minuto
(nella foto i primi tre), poi Davide Elli (32.48) e al decimo posto troviamo Paolo Musso in 34.55.
Claudia Solaro è terza tra le donne in 37.01 e prima di categoria.

 

ERICA GHELFI si è imposta il 1° luglio nella Sampeyre Vertical Race (Cuneo), 6 km di corsa con dislivello di 1600 metri, col tempo di 1 ora 18'29" che le dà anche il terzo posto assoluto a 7 minuti dal vincitore Fabio Bonetto della Valpellice. Seconda tra le ragazze e 11.ma assoluta la sorella Francesca in 1 ora 30'07".



Messe di primati personali per i giovanissimi che si sono cimentati nelle prove multiple domenica 1° luglio a Biella nel XIV Meeting Gomitolo di Lana, manifestazione a carattere nazionale valida anche come selezione per la finale nazionale del Trofeo CONI.
Risultati Triathlon:
Chiara Rabezzana 1666 punti (60m/9.20, lungo/3.92, peso/7.81)
Gabriele Novara 1525 punti (60m/9.02, alto/1.25, vortex/42.16)
Gianmarco Novara 1165 punti (60m/9.40, lungo/3.99, peso/10.01)
Lungo: Federica Parigi 4.99 (+0.2)


Martedì 3 luglio a Celle Ligure (Savona) un altro appuntamento nazionale col tradizionale Meeting Arcobaleno, giunto alla sua XXX edizione.
Buona prova di Joseph Twumasi che corre i 100 piani in 11.03 a solo 1 centesimo dal personale di Rieti.

Risultati:
100m: Joseph Twumasi 11.03 (0.0), Massimiliano Serra 12.26 (-1.0)
200m: Joseph Twumasi 22.56 (-0.4)
100hs: Beatrice Buzzi 16.57 (-0.3)
Lungo: Roberto La Barbera 6.45 (+0.3)
Triplo: Federica Bombara 10.65 (+0.3)
Peso: Beatrice Buzzi 8.33



CINQUE ARGENTI AI CAMPIONATI PIEMONTESI ASSOLUTI
In una edizione "vacanziera" dei Campionati Piemontesi Assoluti su pista la Vittorio Alfieri incamera quattro medaglie d'argento, con una dioppietta per Joseph Twumasi che si conferma sui migliori livelli stagionali nelle prove di velocità, nonostante la prima parte della stagione all'aperto sia alle sue battute finali. Joseph è secondo nei 100m con 11.05 - molto vicino al personale di 11.02 di Rieti - e, il giorno dopo a Volpiano (Torino), lascia la vittoria ed il titolo regionale per un solo centesimo al torinese Falcetto.
Matteo Omedè torna sui sui migliori standard giovanili superando l'asticella a 1.97 a un solo cm dal personale di 1.98 risalente al 2009. Per Matteo anche un buon 6.41 nel lungo che gli dà il quarto posto.
Lo junior Federico Filippa è secondo nel martello con l'attrezzo da 7,26 kg.
La sorpresa della giornata è sulla pedana dell'asta dove assistiamo al grande exploit di Piero Rolfi,la cui costanza e passione sono premiate da una inaspettata medaglia d'argento col nuovo record personale, migliorato di 20 cm fino a 3.30. Vanno al personale anche Alessandro Iacocca nei 400m, dove si registra il positivo esordio di Gregorio Margaglia, e Federico Tassone che si migliora nei 1500 di oltre 4 secondi. Personale appena sfiorato dal master Giuseppe Li Santi, capace di correre i 200m in 26.49.
Nelle foto Joseph Twumasi al traguardo nei 100m e Piero Rolfi

Biella, sabato 7 luglio
100m: 2) Joseph Twumasi 11.05 (0.0) (nella foto al traguardo), Filippo Pelissetti 12.12 (-0.6), Massimiliano Serra 12.30 (-0.6), Gregorio Margaglia 12.50 (-0.6), Andrea Carriero 12.54 (-1.9), Giuseppe Li Santi 12.88 (-0.7)
400m: Alessandro Iacocca 55.04, Gregorio Margaglia 56.46,
Giuliano Trivellin 57.43
1500: Federico Tassone 4.29.35
Disco (kg 2): Andrea Carriero 21.56
Martello (kg 7.26): 2) Federico Filippa 37.12, 4) Paolo Rissone 32.42

Volpiano, domenica 8 luglio
200m: 2) Joseph Twumasi 22.44 (0.0), Massimiliano Serra 25.32 (-0.7), Giuseppe Li Santi 26.49 (+0.5), Gaetano Bonifacio 26.63 (+0.5)
Lungo: Matteo Omedè 6.41 (+3.3) (6.40 +0.3)
Alto: 2) Matteo Omedè 1.97
Peso: Piero Rolfi 7.39
Asta: 2) Piero Rolfi 3.30




AD ERICA GHELFI LA CORSA DEL MONTE SOGLIO
La Vittorio Alfieri al femminile è campione piemontese di Società
A Erica e Francesca Ghelfi e a Marilena Borretta i titoli individuali di corsa in
montagna
Il 29° Memorial Sergio Benetti, classicissima corsa in montagna organizzata dalla Libertas Forno Canavese (Torino) e più nota come Salita al Monte Soglio, ci regala quest'anno grosse soddisfazioni sia a livello di squadra sia individuali.
La gara era valida quale ultima prova del Campionato Piemontese di Società di corsa in montagna, con la Vittorio Alfieri impegnata a difendere il primo posto nella classifica femminile dall'ultimo assalto del Dragonero e della Valvaraita; impresa riuscita oggi grazie alla solita prova maiuscola delle sorelle Erica e Francesca Ghelfi e al contributo determinante di Claudia Solaro e di Roberta Viarengo che hanno portato punti preziosi alla società.
La squadra maschile, presentatasi a Forno col quarto posto in classifica, sale in terza posizione, col miglior piazzamento di Nicholas Bouchard davanti a Jacopo Musso.
A livello individuale le cose sono andate altrettanto bene, in questa che era la terza ed ultima prova per l'assegnazione del titolo di Campione Piemontese.
Sono infatti ben tre le nostre ragazze che oggi si mettono al collo lo scudetto di Campione Regionale: Erica Ghelfi è anche oggi vittoriosa davanti ad atlete di assoluto valore nazionale come la Kuzminska e Nadia Re e con tre vittorie nelle tre prove di campionato si aggiudica il titolo regionale Assoluto; uno scudetto nella categoria Promesse anche per la sorella Francesca, oggi quarta assoluta, mentre Marilena Borretta è Campion
essa Piemontese nella categoria F60.

Nella foto le nostre tre Campionesse Regionali e la squadra maschile con Claudia Solaro

Risultati di oggi, 8 luglio, Forno Canavese, terza prova Campionati Piemontesi di corsa in Montagna

Gara Femminile:
1) Erica Ghelfi Campionessa Piemontese Assoluta
4) Francesca Ghelfi Campionessa Piemontese Promesse
22) Claudia Solaro
32) Roberta Viarengo
47) Marilena Borretta Campionessa Piemontese F60
Società femminili: 1) Vittorio Alfieri Campione Piemontese di corsa in Montagna
Gara Maschile:
13) Nicholas Bouchard
17) Jacopo Musso
29) Paolo Musso
44) Emanuele Ladetto
57) Fausto Liguori
164) Domenico Guglielminetti
Società maschili: 3) Vittorio Alfieri


MULTIPLE AD ASTI
Vittorie per Matteo Omedè e Filippo Pelissetti
Asti, 14-15 luglio, meeting regionale Prove Multiple

Buona partecipazione, anche da fuori regione, alla terza prova del Grand Prix di Prove Multiple ospitata come sempre ad Asti nel mese di luglio dalla Vittorio Alfieri. In campo atleti della Liguria, Lombardia ed Emilia, oltre che del Piemonte e Valle d'Aosta, per completare i punteggi utili per il Campionato di Società.
Anche se in questa occasione l'obiettivo primario è il punteggio e non la vittoria, i biancoverdi si aggiudicano due gare con Matteo Omedè nel decathlon Assoluto
(nella foto sugli ostacoli) e Filippo Pelissetti nel decathlon Juniores.
Con 5661 punti Matteo Omedè avvicina il suo personale di 5810 (datato 2010) ottenuto con la maglietta della Vittorio Alfieri, anche se successivamente ha conseguito punteggi ben superiori gareggiando con l'Atletica Piemonte. Migliori risultati individuali per lui i 110hs e il salto in lungo.
Filippo Pelissetti ha vinto il decathlon Juniores fermandosi alla soglia dei 5000 punti, un vero peccato la sua rinuncia ai 1500 finali che gli avrebbero permesso di ottenere un totale di ben altro livello, vicino ai 5500 punti e comunque molto oltre il suo personale.

Molto interessanti anche i punteggi finali dei nostri due Allievi, Andrea Carriero e Gregorio Margaglia
(nelle foto impegnati rispettivamente nel lancio del disco e nel salto in alto).
Andrea si migliora ampiamente dai 4261 punti di un anno fa ai 4792 di oggi con una prestazione globale senza passi falsi costellata di primati personali. Gregorio, venuto all'atletica solo da due settimane e che ha praticamente "improvvisato" un decathlon in questo brevissimo periodo di tempo, dimostra grandi potenzialità avvicinando i 5000 punti alla sua prima esperienza, con prestazioni di rilievo nel salto in alto e nei 1500 metri.


RISULTATI (Asti, 14-15 luglio)
Decathlon
(100, lungo, peso, alto, 400, 110hs, disco, asta, giavellotto,1500)
Matteo Omedè 5661 (11.91/0.0, 6.50/0.7, 9.32, 1.92, 55.63, 15.74/-0.2, 28.25, 3.30, 39.68, 5.13.33)
Filippo Pelissetti 4905 (11.80/0.2, 5.94/1.5, 11.09, 1.65, 53.87, 15.82/-1.5, 26.42, 3.40, 32.50, Rit)
Andrea Carriero 4792 (12.42/-1.5,
6.00/-0.5, 10.88, 1.62, 57.73, 17.42/-1.0, 29.49, 2.40, 41.51, 5.29.38)
Gregorio Margaglia 4644 (12.11/0.5, 5.48/-0.8, 10.14, 1.80, 56.41, 17.97/-0.2, 24.27, 2.40, 22.11, 4.55.86)
Pasquale Leuzzi 3288 (14.06/0.0, 5.06/-0.5, 9.08, 1.50, 64.78, 21.85/-1.5, 31.65, 2.80, 32.40, 6.24.95)
Eptathlon (100hs, alto, peso, 200, lungo, giavellotto, 800)
Irene Merlo 2943 (19.70/-0.9, 1.41, 8.76, 30.10/1.2, 4.06/0.4, 27.27, 2.53.36, )
Beatrice Buzzi Rit (17.87/-0.9, 1.53, 8.462, 29.44/1.2)

FOTO

Altre gare in pista di questo periodo

A Misano (Rimini) il 14 luglio si è disputato il Trofeo delle Regioni Master, nella Rappresentativa Piemontese convocati alcuni dei nostri migliori Master ma con diverse defezioni di atleti impegnati nello stesso giorno ad Asti nelle Prove Multiple:
100m: Stefania Giulivi 14.69 (-0.3)
400m: Rossana Raviola 68.60, Alessandro Marengo 1.10.92
Lungo: Silvia Molino 3.73 (-0.2)
Alto: Piero Rolfi 1.40


Il 17 luglio in un Meeting Regionale a Pinerolo:
Triathlon: Chiara Rabezzana 1612 punti (60m/9.22, alto/1.20, peso/7.23)
Lungo Cadette: Francesca Bassignana 4.65



LE SORELLE GHELFI STELLARI A TAVAGNASCO
Francesca è seconda nei Campionati Italiani Promesse, Erica in azzurro
La Vittorio Alfieri è la terza Società in Italia
La prova di corsa in montagna di Tavagnasco (Torino), domenica 22 luglio, era fortemente attesa e non solo nel nostro ambiente per le indicazioni che avrebbe potuto dare sul livello qualitativo delle nostre due campionesse, nell'ambito di un campionato nazionale e dal confronto con le migliori atlete italiane specializzate nella corsa in montagna. Se poi si aggiunge che la prova era valida, oltre che per l'assegnazione del titolo di italiano di corsa in montagna, anche come selezione per la convocazione nella squadra azzurra impegnata prossimamente nei Campionati del Mondo, si comprende il livello di attesa per questo evento che alla prova dei fatti ha dato esiti anche migliori delle aspettative.


Francesca Ghelfi sale sul secondo gradino del podio nel Campionato Italiano Promesse, grazie al secondo posto conquistato oggi a Tavagnasco alle spalle della saluzzese Beccaria e allo stesso piazzamento che l'atleta aveva ottenuto a Saluzzo nella prima prova valida per l'assegnazione del titolo, dietro a Paola Varano che oggi ha battuto, senza però recuperare il distacco di un minuto subito a Saluzzo. Nella classifica finale, infatti, a parità di piazzamenti conta la somma dei tempi sulle due prove. Nel complesso Francesca cede il titolo per poco più di mezzo minuto dopo due ore di corsa.
Erica ha condotto una gara eccezionale lasciandosi alle spalle molte delle atlete più quotate e favorite di lei, come Valentina Belotti, Emma Quaglia e Lorenza Beccaria. Si piazza alla fine quarta assoluta a poco più di un minuto da Elisa Desco, seconda assoluta e prima delle italiane. Al fine di una possibile, se non probabile, convocazione in maglia azzurra il suo terzo posto in Italia (in quanto la vincitrice Emily Collinge è atleta straniera), è una buona ipoteca per la chiamata in nazionale a coronamento di una stagione indimenticabile.
Migliore dei nostri in campo maschile è ancora una volta Jacopo Musso, 56.mo assoluto, poco davanti a Nicholas Bouchard, 61.mo assoluto e 11.mo della categoria Promesse. Eccellente secondo posto tra i Master M55 per Paolo Musso, il terzo di Marilena Borretta (Cat SF60) e il settimo di Roberta Viarengo (SF45)
Società: La Vittorio Alfieri centra un prestigioso terzo posto in Italia nella classifica assoluta Femminile
Questi i tempi e i piazzamenti dei biancoverdi:
Femminile:
4) Erica Ghelfi 1.09.15 (terza italiana)
11) Francesca Ghelfi 1.15.33
58) Roberta Viarengo 1.50.16
64) Marilena Borretta 2.06.49
Maschile:
56) Iacopo Musso 1.08.38
71) Nicholas Bouchard 1.09.17
84) Paolo Musso 1.14.24

FOTO di Paola Musso

Paolo Musso a colloquio con il tecnico della Nazionale di corsa in montagna Paolo Germanetto





Fausto Liguori terzo nella classicissima corsa di Valleandona , domenica 22 luglio (nella foto il gruppo della Vittorio Alfieri). E' il miglior piazzamento nostrano in campo maschile, mentre c'è da rilevare tra le ragazze la vittoria di Claudia Solaro.
A livello di categoria vittoria per Fausto (primo M35) e per l'immancabile Franco Cipolla nella categoria M65.







Ecco
Paolo Musso sul Sentiero degli Acciugai (Celle Macra - Cuneo - 22 luglio).
In classifica c'è l'ottavo posto di
Jacopo Musso in 52.34 davanti a Paolo, 14.mo (e primo di categoria), in 55.03















Questi so
no i 13 ardimentosi che lo scorso fine settimana hanno rappresentato l' Italia ai

Ca
mpionati Bavaresi di Decathlon
nella cittadina di Regensburg (la latina Ratisbona), amena località sulle rive del Danubio a nord di Monaco.
C'era stata una anteprima un anno fa con un gruppetto di quattro nostri atleti, guidati da Andrea Fassio, che era tornato entusiasta e con la convinzione di ripetere la trasferta quest'anno con una partecipazione più numerosa.
C'era anche la novità di far gareggiare nella più classica delle prove multiple, il decathlon, anche bambini di 8 anni, evento in Italia assolutamente inconcepibile per i rigidi schemi della Fidal, anche se incoraggiato da sempre da Giorgio Fracchia, che ha caldamente patrocinato questa avventura e che al termine di ogni stagione organizza una competizione del genere, ovviamente in forma non ufficiale.
Così siamo partiti in massa per una trasferta che non aveva evidentemente fini agonistici, ma solo di partecipazione, un happening che ha raccolto anche quest'anno oltre 200 atleti di ogni età (dai 4 agli 80 anni) e di diverse nazioni, con l'Italia che era certamente la più rappresentata tra le potenze straniere.
Nessun fine agonistico quindi, non si gareggia per il risultato, ma per portare a termine le dieci fatiche che vengono premiate con un diploma e con una maglietta dedicata (soprattutto quest'ultima molto ambita dai partecipanti e assegnata solo a chi completa la propria prova).
Del resto i nostri 13 annoveravano solo tre "professionisti" delle multiple: Andrea Fassio, Thomas Tuti e Antonella Giulivi, gli altri erano tutti alla prima esperienza in fatto di decathlon, peraltro con una preparazione affrettata iniziata nel migliore dei casi un paio di settimane prima dell' evento, per ricevere almeno una sgrossatura nelle dieci specialità.


RISULTATI (in attesa dei risultati mancanti ufficiali)
Tutte le gare ad ostacoli M/F (eptathlon escluso) sono sulla distanza di 110hs e intervallo 9.14


Decathlon (100, lungo, peso, alto, 400, 110hs, disco, asta, giavellotto, 1500)

EDOARDO RABEZZANA 2031 punti (14.31/-0.7, 3.78/0.3, 7.99 (kg 7.26), 1.28, 67.29, 25.24/+1.0 (91cm), 19.51 (kg 2), 1.30, 26.09 (800gr), 6.16.25)

ANTONELLA GIULIVI 3894 punti (13.56/-0.6, 4.54/-0.2, 7.67 (kg 4), 1.32, 66.31, 18.49/0.2 (76cm), 16.45 (kg 1), 1.30, 26.64 (600gr), 6.24.46)












Decathlon (100, lungo, peso, alto, 400, 110hs, disco, asta, giavellotto, 1500)


ANDREA FASSIO 3982 punti (16.58/+2.1, 3.25/0.5, 8.59 (kg 5), 1.32, 78.36, 24.50/-2.1 (84 cm), 33.27 (kg 1), 1.90, 28.60 (600gr), 6.35.60)
Inizio in sordina, poi un buon recupero nella seconda giornata






Decathlon (100, lungo, peso, alto, 400, 110hs, disco, asta, giavellotto, 1500)

RENZO CARRIERO 3086 punti (14.90/2.1, 4.06/0.0, 7.89 (kg 7.26), 1.40, 71.37, 24.76/0.4 (100cm), 24.25 (kg 2), 2.60, 24.19 (800gr), 6.03.20)

Renzo non ha dimenticato le lezioni di decathlon ricevute 25 anni fa, anche se il suo personale nell'asta (3.00 nel 1993) questa volta ha resistito






Decathlon (100, lungo, peso, alto, 400, 110hs, disco, asta, giavellotto, 1500)

THOMAS TUTI (Atletica Insieme Verona) 5162 punti (13.31/0.7, 5.23/0.0, 9.84 (kg 7.26), 1.48, 63.54, 20.38/0.4 (100 cm), 27.85 (kg 2), 2.70, 39.85 (800gr), 5.43.72)

Thomas è l'unico astigiano a vincere quest'anno il titolo di Campione Bavarese, nel 2017 questo onore era arriso ad Andrea Fassio, che questa volta deve accontentarsi del secondo posto.








Decathlon (100, lungo, peso, alto, 400, 110hs, disco, asta, giavellotto, 1500)


EMANUELA MUSSO 624 punti (17.04/-0.5, 3.19/1.4, 5.69 (kg 4), NC , 87.60)
Unico rimpianto: il non aver completato il decathlon le è costato la maglietta ufficiale della manifestazione, un riconoscimento molto ambito

Decathlon (100, lungo, peso, alto, 400, 110hs, disco, asta, giavellotto, 1500)


FEDERICO TASSONE 3329 punti (12.82/1.0, 4.80/0.2, 6.95 (kg 7.26), 1.36, 56.57, 23.21/1.0 (91cm), 17.16 (kg 2), 1.70, 25.01 (800gr), 4.40.25)
Con primati personali sui 100m e sui 400m




D
ecathlon (100, lungo, peso, alto, 400, 110hs, disco, asta, giavellotto, 1500)


BEATRICE CARRIERO 3368 punti (15.67, 4.00 (stacco libero), 6.06 (kg 3), 1.24, 72.16, 29.21 (76cm), 13.70 (kg 1), 2.00, 18.02 (400gr), 5.46.42)
Migliori prestazioni astigiane Ragazze nell'asta, nei 400 e nei 1500
Terza nella sua categoria



Decathlon (100, lungo, peso, alto, 400, 110hs, disco, asta, giavellotto, 1500)

SARA CARRIERO 2866 punti (16.48, 3.82 (stacco libero), 3.56 (kg 3), 1.16.46, 24.49 (60 cm), 11.10 (kg 1), 1.50, 11.55 (400gr), 6.01.09)
Le sorelle Carriero hanno dominato la gara finale dei 1500, prima e seconda con pesanti distacchi sulle dirette avversarie






Pentathlon (alto, lungo, 100m, palla 80gr, 400)


GIACOMO RABEZZANA 1037 punti (0.80, 3.38, 16.37, 17.00, 80.81)
DAVIDE MOTTINI 753 punti (0.85, 2.75, 18.81, 22.00, 107.25)

P
er entrambi il secondo posto nelle rispettive categorie








Eptathlon (100, lungo da pedana , peso (3 kg), alto, 80h (76), giavellotto (600), 800)


CHIARA RABEZZANA
2507 punti (14.76/0.8, 4.12/0.6, 6.88, 1.24, 17.96/1.2, 12.11 (600gr), 3.08.95)
Chiara va al personale nel lungo e fa segnare la miglior prestazione Ragazze sui 100 piani.







Eptathlon (100hs (76), lungo da pedana , peso (3 kg) , alto, giavellotto (600gr), 100m, 800m)


LUDOVICA TASSONE
1830 punti (22.90/-0.8, 3.58/0.6, 7.57, 1.12, 14.52, 15.21/+0.5, 3.09.62)



QUI TROVATE LE ALTRE FOTO





<< E’ stato un successo! Infatti siamo riusciti a portare 13 persone a fare decathlon di cui 10 esordienti nella specialità. E quello che più è incredibile si sono divertiti di più loro, quelli che non avevano mai partecipato a gare di due giorni.
Tra l’altro la competizione nel deca per famiglie per i ns. non “professionisti”, non è stata molto facile in quanto in Germania la specializzazione avviene molto dopo rispetto in Italia. Il livello medio era molto alto. I partecipanti tedeschi erano tutti preparati e avvezzi anche se era da tempo che non gareggiavano.
Il problema della atletica italiana è proprio questo, lo specializzare da subito, limitando il patrimonio motorio e biomeccanico che si può apprendere facendo le prove multiple. La specializzazione può avvenire tra i 16 e 18 anni, dipende dalla maturità fisica, non prima. E’ penoso vedere da noi ragazzi che fanno solo una specialità e poi prima del salto di qualità smettono, perché si stufano di fare le stesse cose per anni.
A Regensburg abbiamo visto ragazzini di pochissimi anni fare anche i 400 ed i 1500, senza problemi. Non è stato male nessuno! Da noi al massimo fanno il triathlon. Bah! E poi abbiamo gareggiato in 196 nel decathlon! In Italia non si riesce ad organizzare in maniera fluida una gara con 30 persone.
Ri-Bah, come direbbe Giorgio…… >>
(Andrea Fassio)